Emotion Festival. Il contest lanciato da Ariy’el Comunicazione ha un vincitore

Scritto il 16.09.2013

La foto vincitrice del contest “Un bacio, cosa vuoi dirmi?” è quella di Nicola Vitale, che ha conquistato 126 “mi piace” aggiudicandosi così i biglietti omaggio per le serate del 21 e 22 settembre al Belvedere di San Leucio per l’evento Emotion Festival, ideato e prodotto da Ariy’el Comunicazione. Nicola ha 37 anni ed è un portalettere di Frattamaggiore. Racconta di aver partecipato al contest “perché Piovani è un musicista che ha fatto la storia della musica per il cinema, un artista di spessore internazionale e poi anche perché mi diverte partecipare a questi giochi a premio”. A inaugurare Emotion Festival sarà il Fuoco. Le emozioni iniziano il 21 settembre ore 21 con lo show Matrimonio del Fuoco, un musical che racconta le nozze tra il Fuoco e la Terra che unendosi generano il Metallo, è una rappresentazione unica del passaggio della stagione estiva (fuoco) a quella autunnale (metallo) resa possibile dalla Terra che accoglie tale passaggio.  Musica, Teatro, Moda, Danza, Pirotecnica in un unico spettacolo dove il FUOCO è realmente coreograficamente protagonista assoluto. Teatro d’improvvisazione, Abiti  creati dallo stilista Gianni Molaro, makeup art  di  Francesco Riva, danza di fuoco per un musical spettacolare ed emozionante con la colonna sonora  rock progressive dei Barnum’s Freak, sotto la direzione artistica di Rosa Vaia   L’accesso al pubblico è gratuito purché mediante invito che è possibile ricevere “restando in contatto” con l’organizzazione di EMOTION FESTIVAL,  mediante il sito ufficiale  e  i social network ufficiali. La sera del 22 settembre ore 21 sempre al Belvedere di San Leucio,  sul palcoscenico di Emotion Festival salirà il Maestro Nicola Piovani in Quintetto. Con questo concerto, non a caso inserito nella serata dedicata alle Emozioni da Cinema, il Maestro, premio Oscar per le musiche del film di Benigni “La vita è bella”,  proporrà brani scritti per il cinema, per il teatro, per concerto, appositamente rivisitati, riarrangiati da lui stesso in versione da piccolo gruppo di solisti, fra i quali spicca innanzitutto il ruolo del pianoforte, suonato dall’autore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>