Cia Caserta. Emergenza ambientale e mercato agroalimentare

Scritto il 21.11.2013

Il Presidente della Confederazione Italiana Agricoltori di Caserta Guido Coppola interviene in merito all’attuale emergenza ambientale, che si sta riflettendo “in maniera fortemente penalizzante sul mercato agroalimentare”. Coppola sottolinea che “i controlli ufficiali sulla sicurezza dei prodotti agricoli in Campania e in particolare in provincia di Caserta sono sempre stati effettuati, ma nell’attuale emergenza è necessario andare oltre. Ai consumatori vanno garantite la sicurezza e la qualità complessive dei prodotti agricoli campani, andando a monitorare i prodotti come marcatori delle matrici ambientali. Per questo motivo la CIA – continua il Presidente – ha dato il via alla campionatura dei prodotti nella maggior parte delle aziende associate che si trovano nell’area interessata dall’emergenza ambientale. I risultati degli esami, effettuati in convenzione con il Dipartimento di Agraria dell’Università di Napoli Federico II, serviranno a definire, oltre alla qualità dei prodotti, anche l’influenza delle peculiarità ambientali del territorio. Ciò significa considerare i prodotti agricoli come indicatori dell’agroecosistema in cui sono stati coltivati. Le analisi, infatti, oltre a verificare la presenza degli elementi normati per legge, prevedono anche la ricerca di tutti gli altri metalli potenzialmente tossici alla salute. Entro dicembre potranno essere divulgati i risultati delle analisi e la mappatura delle zone controllate”. Il presidente Coppola poi aggiunge: “La CIA ritiene fondamentale, soprattutto per recuperare un’immagine e un senso di civiltà nella nostra provincia, una forte azione nel controllo del territorio e nel perseguire le Amministrazioni Comunali che non provvedono a rimuovere i rifiuti e controllare che non ne vengano sversati altri”. Guido Coppola, in ultimo, ritiene fondamentale potenziare il ciclo dei rifiuti con azioni incisive sulla crescita della raccolta differenziata e la messa in funzione degli impianti necessari al trattamento.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>